I sanfurricchi

Le foto sono tratte dall’articolo pubblicato su La Repubblica Palermo il 5 ottobre 2019, è firmato da Isabella Di Bartolo, le foto sono di Giuseppe Bellafiore:
ecco il link   

Si tratta di particolarissime caramelle fatte esclusivamente con il miele, che si sciolgono in bocca. Per assaggiarle dovete andare a Sortino, in provincia di Siracusa, meglio nota come “città del miele”. I Sanfurricchi vengono ancora oggi preparati secondo l’antica ricetta tradizionale, tramandata da una generazione all’altra e realizzata da Marco Giunta, discendente della storica famiglia Caruso.

Ricetta in sortinese:
Si pigghia u meli i sciurtinu ca si voli e si ugghi nna na pignata i ramu, fina a quannu si senti ciauru ri meli cottu. Pi fari a prova da’ cuttura si vagna ‘na suprana ri marmuru cu’ ‘na stizza r’ogghìu, si ci fa cariri ‘n cucchiaru ri meli e se si spiccica vordiri ca è bonu, sinnò si fa cociri ancora. Quannu è prontu s’abbucca supra nno’ marmuru e chè manu vagnati si travagghia e si mania, tirannulu e allungannulu finu a quannu addiventa jancu. Chitri bravi s’iutanu co’ ‘ncagghiu i ferru ‘nno muru e u’llongunu e u trucciuniunu. Pi cchissu u chiamanu sanfurricchi. Poi si ci runa a forma ca si voli, ma chitra chiù canusciuta è a forma ri ititu.

Il nome farebbe pensare ad un santo ma in realtà è solo una storpiatura grafica e dovrebbe scriversi “si anfurricchia”, ovvero si attorciglia, per aferesi si tagliano le vocali i e a, per diventare “s’anfurricchia” e infine sanfurricchi.

Sono una sorta di pasta di miele, lavorata a braccia su un piolo cilindrico conficcato a muro quando è ancora malleabile, ridotta a bastoncini sottili come grissini e tagliati in pezzatura come sigarette. I pezzi vengono chiamati così in dialetto, e i venditori sanfurricchiari. Costoro, solitamente ragazzi, andavano in giro lungo il corso, portando i pezzi dentro un crivu (crivello) appeso al collo con laccio e bandivano: “sanfurricchi janchi e tenniri”. In Sicilia è comune anche “u zuccàru”, molto simile come procedimento, si diversifica per i soli ingredienti, che nei s’anfurricchi è solo miele e nello zuccàru è zucchero e aromi.

Il dolce tipico amato e atteso dai ragazzi, bambini e non solo, a Sortino era preparato per la festa di San Sebastiano il 20 gennaio e per San Giuseppe il 19 marzo, adesso è un momento di spettacolo gastronomico per la sagra del miele.

I Sanfurricchi sono solo un esempio dei dolci tipici di Sortino. Tra questi vi sono anche i piretti, cioè biscotti duri di farina e miele con una mandorla dentro, e le sfingi (o sfinci), a base di pasta lievitata, fritta e condita con il miele crudo, ma questo è un altro discorso.

Mario Lonero